Notizie

La musica può cambiare il senso del gusto?

By Emerson Rosenthal

Traduzione da “Can Music Change Your Sense of Taste?”

È la differenza tra il violinista vicino al tuo posto e la radio del college che suonano nella pizzeria: il rapporto tra buon cibo e buona musica è sempre stato una questione di gusti. È per questo che alcuni ristoranti hanno jukebox e altri quartetti d’archi. Ma cosa succede se il gusto del tuo cibo dipende dalle cose che ascolti mentre mangi? Una nuova ricerca dello psicologo sperimentale Charles Spence e dei ricercatori del Crossmodal Research Laboratory dell’Università di Oxford suggerisce che potrebbe esserci una connessione più profonda tra le esperienze apparentemente disparate di sapori e suoni – e che non devi necessariamente essere un sinesteta per “assaggia” la musica.

Secondo “The Sound (And Taste) Of Music”, un post del blog su Scientific American, “Potrebbero esserci associazioni implicite tra gusto e intonazione. I suoni acuti sono principalmente associati a cibi dal sapore agrodolce, mentre le note basse sono più comunemente abbinate a gusti più amari e umami. ” Per un particolare esperimento, Spence e compagnia hanno invitato i partecipanti ad assaggiare due campioni apparentemente diversi di caramello alla cenere, uno mentre ascoltava suoni acuti e l’altro mentre ascoltava le frequenze più basse. Sebbene i campioni fossero dello stesso dessert, i soggetti del test “hanno trovato il caramello più dolce se abbinato a toni più alti e più amaro se accompagnato da toni più bassi”. Per i partecipanti di un altro studio, la musica per pianoforte era preferita quando si trattava di aromi di menta piperita, mentre l’ottone sembra abbinarsi meglio con acido citrico, fiori d’arancio e soprattutto caffeina.

In passato, lo chef Heston Blumenthal ha scoperto che i suoni dell’oceano rendevano le ostriche più salate del 30% per i commensali rispetto all’audio degli animali da cortile. La ricerca suggerisce che non solo il gusto del cibo stesso può cambiare a seconda di ciò che senti quando lo mangi, ma anche il tuo stesso gusto può cambiare in base allo stimolo uditivo. Come delineato nel nuovo libro di Charles Spence con Betina Piqueras-Fiszman, The Perfect Meal – The Multisensory Science Of Food And Dining, anche particolari come “Le scelte di vino delle persone possono essere profondamente influenzate (molto più di quanto chiunque di noi possa immaginare) dalla musica che sta suonando sullo sfondo di un negozio. “

Le implicazioni vanno dal miglioramento dei sapori del cibo degli aerei basato su abbinamenti musicali all’influenza di un’alimentazione più sana attraverso una migliore musica di sottofondo. “Se hai una sorta di cucina etnica, che sia indiana, scozzese, francese, italiana, se metti le persone in un ambiente con un’atmosfera coordinata, con musica di fisarmonica francese per vino francese, musica sitar indiana mentre mangi cibo indiano, se ottieni il giusto tipo di musica, che aumenterà l’autenticità percepita del tipo di cibo che stai mangiando “, dice Spence. Ma mentre è necessario più terreno per la loro ricerca (“C’è una sorta di proprietà neurale perché c’è molto di più del nostro cervello dedito all’udito e alla vista che al gusto e all’olfatto”, ammette) siamo semplicemente felici di sapere che forse, solo forse, cantare la canzone “Happy Birthday” abbastanza forte potrebbe rendere sopportabili i nostri brownies bruciati.

traduzione da “Can Music Change Your Sense of Taste?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + 7 =